La Pieve di Stia

in Casentino, una bella valle Toscana che puoi conoscere in ogni suo dettaglio con questo sito

Italiano
English
Deutch
Italiano
Pieve di Stia

TI PUO' INTERESSARE

Visita il paese di Stia

Stia

Le pievi romaniche in Casentino

Le pievi romaniche in Casentino

I castelli medievali in Casentino

I castelli medievali in Casentino

Le pievi romaniche del valdarno

Le pievi romaniche del Valdarno

45 immagini in sequenza della Pieve di Stia accuratamente descritta. Clicca per ingrandire

La Pieve di Santa Maria Assunta a Stia

Pieve di Stia, capitello romanicoDal punto di vista architettonico e artistico la pieve romanica di Stia è da considerarsi tra le chiese più interessanti del Casentino. La pieve, dedicata a Santa Maria Assunta, è posta nella bella Piazza Tanucci del paese, il primo bagnato dall’Arno che qui trova la confluenza con il torrente Staggia (da cui il nome Stia). La chiesa quasi si mimetizza nel contesto architettonico della piazza perché nel 1776 la sua facciata, che era in cattivo stato di conservazione, fu riedificata arretrandola di qualche metro (quasi una campata) allineandola agli edifici adiacenti così da dare più spazio alla piazza che in quel periodo rappresentava la sede di uno dei più importanti mercati del Casentino. Lo stile della facciata passò dal romanico al tardo barocco.
Appena varcato il portone d’ingresso della chiesa ci troviamo cinquecento anni indietro (rispetto alla facciata). Nonostante vari rifacimenti e restauri nel corso dei secoli la Pieve di Stia si presenta al suo interno in chiaro stile romanico. Le tre navata separate da due file di colonne sormontate da eleganti capitelli tutti con raffigurazioni diverse sono la chiara testimonianza di ciò. La copertura della navata centrale si presenta con le classiche capriate in legno. Le navate laterali hanno travi in legno, ma non più visibili perché nel XVII secolo vi fu praticata una controsoffittatura in muratura e oggi si presentano con una copertura a vela. All’inizio della navata di sinistra, in corrispondenza della prima campata, il controsoffitto fu in seguito tolto, in questo punto si può così vedere la forma della struttura in origine.
L’edificazione della chiesa voluta dai Conti Guidi del ramo di Porciano iniziò intorno alla metà del XII secolo, fu in pratica consecutiva alla vicina Pieve di Romena che riporta la data della sua ultimazione su un capitello: 1152. Alla realizzazione delle due importanti chiese per il popolo (questo il significato di pieve, dal latino plebs, popolo) parteciparono forse le stesse manovalanze, certamente le stesse maestranze lombarde per la realizzazione dei capitelli anche se quelli di Stia appaiono più raffinati e armoniosi.
L’attuale Pieve di Stia andò a sostituire una preesistente chiesa di dimensioni minori sempre intitolata a Santa Maria Assunta. La data d’edificazione di questa chiesa non è nota, il primo documento conosciuto che la cita come plebana è del 1017, “Plebe S. Marie sito Stagia”. La testimonianza concreta di questo sacro edificio antecedente è venuta alla luce durante una campagna di scavi e restauri degli anni 1970/74 quando furono rinvenuti sotto il pavimento i resti di un abside e dell’altare di tale chiesa. Pieve di Stia, Andrea della RobbiaQuesti ritrovamenti sono in parte visibili attraverso due grate poste sul pavimento della zona presbiteriale dell’attuale chiesa. Sempre in occasione della stessa campagna di scavi furono trovati tra la navata centrale e quella di destra i basamenti di due colonne cilindriche in muratura di oltre un metro di diametro che testimoniano l’esistenza in questo luogo di un edificio di culto molto più antico, probabilmente di periodo etrusco romano. Anche questi reperti sono visibili attraverso due grate.
Nel 1770, qualche anno prima del rifacimento della facciata, la Pieve di Santa Maria Assunta di Stia venne privata dell’abside al fine di realizzare un nuovo grande coro. Al posto dell’originaria struttura romanica semicircolare fu costruita una grande e alta cappella con pianta quadrata e coperta da una cupola. Furono inoltre costruite due cappelle in corrispondenza delle navate laterali. Nel 1925, in occasione di un sostanzioso intervento di restauro, all’interno della grande cappella centrale fu ricostruita una sorta di abside, lasciando comunque lo spazio dietro per l’organo di fine Ottocento. Sempre nella stessa occasione furono tolti alcuni elementi architettonici introdotti nel tempo che deturpavano l’originario stile romanico. La torre campanaria si trova a metà della fiancata destra della Pieve di Stia e dalla piazza è visibile solo nella sua parte più alta. Per averne una suggestiva vista prospettica bisogna addentrarsi nel Vicolo San Francesco che scorre lungo tale fiancata, da qui vediamo anche l’orologio qui posto nel 1850 dal Comune di Stia. Il vicolo ci porta dietro la chiesa da dove potremo prendere visione, oltre che della parte posteriore del campanile, della profonda modifica strutturale operata all’abside dell’edificio nel 1770. La torre campanaria è coeva alla chiesa nella sua parte bassa, in alto è stata più volte ristrutturata. La cella campanaria è settecentesca, le campane sono dell’Ottocento.
I Conti Guidi di Porciano vollero in questo luogo anche il loro sepolcreto. Questo è testimoniato da due tombe rinvenute nel 1956 sotto un arco a tutto sesto in un locale adiacente alla chiesa (piano terreno dell’attuale canonica). Una prova che lega questo edificio alla pieve romanica è la data 1298, oggi in bella evidenza sulla facciata, trovata sull’architrave di una finestra.
La Pieve di Stia non è solo un luogo di alto valore storico architettonico. Qui sono conservate anche pregevolissime opere d’arte di vario genere che abbracciano un periodo di cinque secoli.Pieve di Stia, Bicci di Lorenzo L’opera più antica e di alto valore è una Madonna con Bambino su tavola databile 1280/90. Il dipinto non è ancora stato attribuito con certezza, si parla di qualche importante pittore vicino a Cimabue o anticipatore dello stile di Giotto, si fa anche il nome del Maestro di Varlungo già presente in Casentino con un’altra Madonna con Bambino oggi conservata nella Propositura di Pratovecchio. Altre importanti opere presenti nella Pieve di Stia sono un’Annunciazione del 1414 di Bicci di Lorenzo posta nel battistero dove si trova anche un affresco cinquecentesco di scuola fiorentina che mostra una natività, un’Assunzione della Vergine del Maestro di Borgo alla Collina (1420 circa) posta come pala dell’altare maggiore, una Madonna con Bambino tra Santi del Maestro di San Miniato (metà XV secolo), una Madonna con Bambino in ceramica invetriata bianca di Andrea della Robbia (1490 circa), un ciborio sempre in terracotta invetriata policroma di Santi e Benedetto Buglioni (1525 circa), un cinquecentesco crocifisso ligneo di scuola fiorentina, una tela del 1596 attribuita a Simone Ferri che mostra Gesù a cena a casa del fariseo, una “Predicazione del Battista” del XVIII secolo di Domenico Ferretti. Queste ultime due sono poste sugli altari laterali della pieve.
Le opere citate e altri aspetti della Pieve di Stia sono mostrati e dettagliatamente descritti nella galleria fotografica di questa sezione web.


Warning: mysql_num_rows(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.ilbelcasentino.it/home/newsite/content/pievedistia.php on line 168


Ilbelcasentino.it è una realizzazione di:
Alessandro Ferrini, 52010 Talla (AR) - P.Iva 01428280513
Tel. 339.4257840 - info@ilbelcasentino.it

Tutti i diritti riservati

Share this on Twitter Share this on Facebook Share this on Google Plus Share this on Linkedin